martedì 20 ottobre 2009

Peperoncini Ripieni Aiutooooo!!!!!!!!!!!!!

Quest'estate ho fatto i peperoncini ripieni con tonno e capperi.
Procedimento: peperoncini scottati in aceto e vino bianco, asciugati, frullato tonno con stesso tipo di olio che ho poi utilizzato per riempire i barattoli di vetro, i barattoli e coperchi lavati in lavastoviglie. Ora succede che la metà di quei peperoncini sono andati a male (circa 20 barattoli)
muffa nera sull'olio, dire che fossero maleodoranti è un eufemismo posso affermare che le fogne della mia citta sono più profumate, ho dovuto aprire tutte le finestre e spargere deodorante dappertutto, la casa è stata impraticabile per una buona 1/2 ora. Ci tengo a rimarcare che nn ho esagerato.
Sarei grato se qlcno fosse in grado di darmi una spiegazione.
P.S. E' il quarto anno che li faccio ed è la prima volta che capita.
Grazie in anticipo a chiunque legge.

domenica 18 ottobre 2009

Marron Glacè ( forse castagne dolci? )

Qualche tempo fa (anni) ho letto, su uno dei tanti ricettari in mio possesso, il procedimento per fare i Marron Glacè.
La settimana scorsa ho provato mettere in pratica ciò che la mia memoria ha conservato della ricetta (nn avevo voglia di sfogliare i vari cartacei alla ricerca delle parole perdute).
Cmq la preparazione non è poi così complicata ma solo molto lunga.

Ingredienti

Acqua q.b. per sciroppo
1 Kg zucchero
1 bacca di vaniglia
3 chiodi di garofano
2 kg marroni o cmq castagne di grosse dimensioni


Occorrente

Coltellino con punte molto affilato
Griglia ( per appoggiare castagne durante glassatura )
Teglia ( per raccogliere sciroppo che cola durante glassatura )
Pentola per bollire acqua per pelare castagne e poi preparare sciroppo
Mestolo per versare sciroppo sui marroni o castagne

Preparazione

Si inizia con il togliere la scorza legnosa delle castagne, dopodichè si mette a bollire acqua con un pizzico di sale, si immergono le castagne, non più di 3-4 alla volta, per nn più di 2 minuti per togliere la pellicola pelosa che le avvolge.
N.B. se le castagne sono completamente sane si puliscono senza fatica, altrimenti ci và un pochino in più d'impegno, ma nn eccessivamente.
Dopo averle pulite tutte si prepara lo sciroppo con zucchero, bacca di vaniglia e i chiodi di garofano, lo sciroppo deve essere piuttosto denso.
A questo punto nn ricordo se prima andavano bollite e poi immerse nello sciroppo, oppure cotte direttamente nello sciroppo, io ho optato per la seconda alternativa.
In qualsiasi caso una volta cotte vanno tolte dal liquido fatte raffreddare, bisogna disporle su un graticcio e versarci sopra lo sciroppo caldo; lasciare raffreddare e ripetere l'operazione almeno 5-6 volte sempre con lo sciroppo caldo, a proposito logicamente sotto il graticcio và messa una teglia per raccogliere lo sciroppo e quindi riciclarlo.
Le mie castagne, devo dire ad onor del vero, sono riuscite discretamente bene, visto che nn me ne hanno neanche avanzate (moglie mamma suocera e zia), ma visto che le mie erano leggermente "al dente", presumo che prima vadano bollite e poi Glassate.
Lo sciroppo che ho avanzato l'ho ritirato in un contenitore con l'intenzione di usarlo per "addolcire" eventuale castagnaccio oppure, se trovo la ricetta, marronita o marmellata di castagne.
Spero di aver fatto cosa gradita a qualcuno nel pubblicare questa ricetta di stagione.
Buona serata e buona settimana a tutti.

lunedì 12 ottobre 2009

Frittelle di Mele

Domenica 11 ho trascorso una splendida giornata, nonostante i Km percorsi, a Casez, Val di Non dove è stata organizzata una due giorni dedicata principalmente alla mela e poi a tutti i prodotti che la zona offre: Formaggi; Salumi; Conserve; Marmellate - Composte - Vino e Aceto di mele.
Sponsor di tutto è stata la famosa cooperativa che commercia e distribuisce mele in tutta Italia.
Ho fatto parecchie foto ma purtroppo la mia linea ADSL non permette di caricarle, appena riesco accedo da un altro computer cerchero di fare l'upload.
Vorrei comunque rendere partecipe di questa mia giornata chiunque abbia voglia di cimentarsi nel provare a fare le frittelle di mele.
Devo sottolineare che la fotocopia della ricetta che segue veniva allo stand dove si potevano gustare le Frittelle di Mele, e quindi presumo che si possa pubblicare in quanto chi le faceva divulgava apertamente sia gli ingredienti, che il procedimento.

INGREDIENTI:

3 Uova
40cc Latte
400gr Farina
1 Bicchierino di Rhum
4-5 Mele Renette tagliate a rondelle
Olio Per Friggere q.b.
Zucchero a Velo
Cannella in polvere

OCCORRENTE:

Frusta
Terrina
Pentola per friggere
Paletta e/o pinza per togliere le frittelle dall'olio
Carte da cucina per asciugare le frittelle pronte dall'olio in eccesso, ( vanno bene anche i sacchetti di carta del pane o della frutta)
Colino per distribuire in modo omogeneo zucchero a velo e cannella sulle frittelle.

PPROCEDIMENTO:
Sbattere uova e rhum nella terrina, aggiungere il latte e la farina e lasciare riposare.
Immergete le rondelle nell'impasto e friggete nell'olio ben caldo.
Levate le rondelle cotte disponetele sulla carta assorbente e spolverate infine co zucchero a velo e se piace aggiungere cannella in polvere.

A proposito ho acquistato degli strudel eccezzionali!!!!!!!!!!!
Buona Serata a tutti.